Miei cari signori oggi vi parlo di calzini. Ho scelto questo argomento perché non è facile fare gli abbinamenti giusti, sbagliare è facile e rischiare una caduta di stile lo è ancora di più. Questo accessorio sta riscuotendo un enorme successo soprattutto nella versione colorata e fantasia e non sono in quelle basiche blu e nere.
Dobbiamo ringraziare i manager di Wall Street e i banker della city di Londra, perché questi signori, dopo aver a lungo giocato con le cravatte, hanno cambiato il loro oggetto ludico rivolgendosi ai calzini per dare carattere e originalità ai loro completi.
Adesso i calzini diventano protagonisti indiscussi degli outfit maschili,sono colorati, eccentrici, eleganti, ironici insomma siamo davanti a un vero e proprio SOCKS APPEAL. Il calzino deve essere sempre lungo, rigorosamente sotto il ginocchio, anche se purtroppo Americani, Inglesi e Tedeschi continuano a commettere l’imperdonabile errore di indossare calzini corti… un vero oltraggio allo stile.
Mai il calzino bianco di spugna!!!! È obbligatorio solo alle partite di tennis di Wimbledon.
Ma come si indossano i calzini? L’abbinamento classico prevede la calza della stessa tonalità della scarpa. Se invece si vuole essere più stravaganti i calzini si possono abbinare al colore della cravatta o della camicia o pochette.
Le calze fantasia o a pois sono adatte a look sportivi ma anche quando si vuole sdrammatizzare un look formale.
Karl Klauss diceva: “Si può perdonare un brutto piede, ma non una brutta calza”.
Miei cari signori siete avvertiti.
Madame Madeline.